Bar
TUTTE LE DOMENICHE
APERTO
IL BAR DEL CENTRO
DALLE 8:30 ALLE 12:00
Bar
TUTTE LE DOMENICHE
APERTO
IL BAR DEL CENTRO
DALLE 8:30 ALLE 12:00
previous arrowprevious arrow
next arrownext arrow
Consiglio pastorale
Consiglio Pastorale Parrocchiale

Scopri i membri del Consiglio Pastorale Parrocchiale e del Consiglio Pastorale per la Gestione Economica

Noi associazione
Noi Associazione

Il Circolo “SAN GIOVANNI BOSCO - APS” di Arino di Dolo (in provincia di Venezia ma realtà appartenente alla diocesi di Padova) è nato con atto costitutivo in data 19 marzo 2000. La propria sede è presso il Centro Comunitario Parrocchiale.

ACR
ACR - Azione Cattolica Ragazzi

L’ACR è una speciale esperienza di Chiesa che nasce, vive e cresce all’interno della comunità parrocchiale e che, attraverso originali iniziative di fraternità ed esperienze comunitarie rispondenti all’età, dona a ogni ragazzo la possibilità di incontrare personalmente il Signore Gesù.

GAC
GAC - Gruppo Giovanissimi

I gruppi ‘issimi sono un dono nelle nostre comunità. Per chi vi partecipa è un’occasione per sentirsi liberi dentro un gruppo che vive un percorso di crescita e formazione.

Centro Comunitario
Centro Comunitario

Il centro comunitario, situato in via chiesa, è una struttura parrocchiale dotata di molti spazi dedicati ad attività parrocchiali e attività ludico-sportive.

Scuola dell'Infanzia
Scuola dell'infanzia

La Scuola dell’Infanzia “Santa Maria Goretti” di Arino si trova nel centro del paese vicino alla Chiesa dedicata a San Michele Arcangelo.
La Scuola, autonoma e di ispirazione cattolica, vive e si esprime operativamente nel Comune di Dolo.
E’ gestita dalla comunità parrocchiale, è espressione di una cultura e di valori profondamente radicati; svolge un servizio senza finalità di
lucro a vantaggio di tutti i bambini, senza discriminazioni.

Sagra
Sagra di San Michele Arcangelo
previous arrow
next arrow

BINARI (Ovvero la necessità di non perdere il treno)

Periodo di vacanze, sperando siano serene per tutti. Popotus, inserto per ragazzi di Avvenire (1), ha dedicato attenzione ad
un tema che mi ha riportato all’infanzia. “Le ferrovie abbandonate in Italia sono 39, ben 1.220 Km, una risorsa sprecata”. Esisteva un tempo un’opera di stupenda ingegneria, la ferrovia Rocchette – Asiago, una linea ferroviaria a scartamento ridotto dell’Alto vicentino, in parte a cremagliera, che collegava l’Altipiano dei sette comuni con Schio e Thiene, attivata nel 1910, dismessa nel 1958 e in seguito smantellata. Avevo un fratello di papà, lo zio Giuseppe, ferroviere, che lavorava su quella linea. Ricordo di aver fatto quel percorso su
quel treno. Avevo timore nell’innesto della cremagliera nei tratti più irti. I miei mi “imbarcavano” sul treno a Piovene e i nonni, genitori di mamma, mi venivano a prendere in stazione ad Asiago e da lì si scendeva per un sentiero alla loro casa in via Ceresara. Oggi su quel sentiero c’è l’imponente Stadio del ghiaccio. Dagli anni settanta in Italia il treno ha iniziato a perdere fascino. Quasi tutte le famiglie hanno comprato un’automobile. Sono state costruite nuove strade e autostrade. Prendere il treno per andare a scuola, al lavoro o in vacanza sembrava una cosa d’altri tempi. Il treno, però, non è affatto un mezzo del passato: oggi è considerato il sistema migliore con cui muoversi senza inquinare l’ambiente e risparmiando soldi. Alle ferrovie spetta un bel futuro, anche per fare viaggi più sostenibili. Per usare tutto questo come una metafora e pensare alla nostra vita di Chiesa/ Comunità, credo sia opportuno “non perdere il treno” per il presente e per il futuro.

L’ARCIPRETE DON SERGIO

Orari S. Messa

PERIODO INVERNALE

Lunedì, Mercoledì, Venerdì  ore 18:00
Martedì, Giovedì ore 9:30
Pre-festivo ore 18:00
Festivo ore 8:00 – ore 10:00

PERIODO ESTIVO

Lunedì, Mercoledì, Venerdì  ore 18:30
Martedì, Giovedì ore 9:30
Pre-festivo ore 18:00
Festivo ore 8:00 – ore 10:00