Scuola dell'infanzia

La Scuola dell’Infanzia “Santa Maria Goretti” di Arino si trova nel centro del paese vicino alla Chiesa dedicata a San Michele Arcangelo.
La Scuola, autonoma e di ispirazione cattolica, vive e si esprime operativamente nel Comune di Dolo.
E’ gestita dalla comunità parrocchiale, è espressione di una cultura e di valori profondamente radicati; svolge un servizio senza finalità di
lucro a vantaggio di tutti i bambini, senza discriminazioni. 

Essa si colloca nella tradizione e continua a costruire tradizione, ma anche novità didattica e professionalità.
Attualmente sono attive tre sezioni di scuola dell’Infanzia e una sezione Primavera che ospita bambini di età compresa tra i 24- 36 mesi.
E’ circondata da uno spazioso cortile ricco di forte valenze, perché rappresenta un luogo rassicurante dove provare e sperimentare giochi di esplorazione, di manipolazione, di movimento, alla ricerca dei compagni, consolidando sentimenti di simpatia, collaborazione e amicizia.

Lo spazio esterno

L'interno

L’ambiente scolastico si caratterizza per essere “a misura di bambino” con arredi ed oggetti proporzionati dove muoversi con naturalezza e spontaneità.

Organizzazione degli spazi

L’attenzione ai bambini implica la cura degli spazi in cui vengono accolti. 
Lo spazio, inteso come contenitore di molteplice attività, è suddiviso in:
• spazio della creatività
• spazio delle bambole
• spazio della cucina
• spazio delle costruzioni
• spazio della lettura
• spazio del gioco e dall’attività motoria
• spazio delle relazioni – comunicazioni

L’armonia e la cura, accanto all’organizzazione e all’ordine, permettono ai bambini di sviluppare una positiva dimensione psicoaffettiva, con caratteri di fiducia in sé e negli altri. Tutto l’edificio è stato adeguato alla normativa vigente sulla sicurezza (D.Lvo 626/94 e successive integrazioni D.Lgs. 81/2008).

Il piano di evacuazione è esposto nei punti chiave dell’edificio scolastico e, due volte all’anno, vengono effettuate le esercitazioni con i bambini.

La sala Mensa

La refezione viene concepita come momento prezioso e rilevante ai fini della socializzazione e quindi importante strumento di crescita. La presenza di una cucina interna garantisce attenzione nella preparazione dei pasti e permette di predisporre menù accurati e bilanciati secondo la stagione. La cuoca e l’aiuto–cuoca hanno partecipato al corso di addetto all’auto–controllo alimentare HACCP nella ristorazione scolastica (D.L. n°155/97) e, con i docenti in servizio, agli aggiornamenti successivi. Il menù, predisposto dalla responsabile del settore igiene della ASL locale n°13, garantisce una tabella dietetica, studiata nelle quattro settimane e con variabile stagionale. E’ consegnato ai genitori ed è esposto giornalmente per la conoscenza diretta degli alimenti dati ai bambini.

Organizzazione dei tempi

La frequenza è consentita dalla prima settimana di Settembre fino alla fine di Giugno. Per quanto riguarda le vacanze e le festività, la Scuola segue il calendario ministeriale e regionale. E’ possibile ottenere su richiesta, l’anticipo e il posticipo. 10 Il tempo scuola si articola su 5 giorni settimanali, dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.00 alle ore 16.00. Il tempo della giornata scolastica è l’elemento organizzatore delle diverse attività. Unitamente allo spazio costituisce il contesto in cui parole, gesti, azioni acquistano significato. I ritmi scandiscono il tempo e hanno una finalità educativa di inserimento e di rassicurazione. La routine quotidiana acquista il valore fondamentale di ritualità, che permette al bambino l’incontro con un tempo conosciuto e sicuro che, dando sicurezza, lo fa star bene e lo invita alla esplorazione e alla scoperta. 

Secondo la normativa per la protezione dei minori:
• i bambini devono essere affidati sempre alle insegnanti
• le insegnanti possono affidare i bambini solo a persone maggiorenni
Ai genitori viene consegnato un modulo per l’elenco delle persone da loro autorizzate al ritiro del figlio

 IL PERSONALE

Personale docente
• 6 insegnanti
• 1 coordinatrice
Personale ausiliario
• 1 collaboratrice scolastica a tempo pieno
• 1 cuoca
Collaboratori esterni
• esperti per particolari progetti didattici
• esperti per la formazione del personale e dei genitori.

ORARIO DI SERVIZIO E DI INSEGNAMENTO
L’orario di servizio e di insegnamento costituisce uno degli indicatori della qualità dell’organizzazione scolastica e della funzionalità della programmazione degli interventi educativi e didattici.
Le insegnanti adottano una forma di orario flessibile per consentire:
 le attività per gruppi omogenei di età
 una buona gestione delle attività di laboratorio
 e per seguire le esigenze dettate dai progetti didattici.

FINALITA’ DELLA SCUOLA
La scuola dell’Infanzia costituisce il primo gradino del progetto di formazione e autocostruzione che la persona si disegna lungo tutto il corso della vita.
Per ogni bambino e bambina, la nostra scuola si pone la finalità di promuovere lo sviluppo:
 dell’identità per favorire la sicurezza e la stima di sé, la fiducia e il controllo che si consegue mediante il processo di maturazione individuale e sociale
 dell’autonomia per saper agire non solo accanto all’altro, ma con l’altro
 della competenza per promuovere le competenze sensoriali, percettive, motorie, linguistiche, logiche e intellettive
 della cittadinanza per scoprire gli altri e gestire i contrasti attraverso regole condivise che si definiscono attraverso il gioco, le relazioni, il dialogo,  l’esempio.
Il personale docente predispone la programmazione educativa e didattica che è organizzata attraverso cinque aree di apprendimento che  corrispondono agli ambiti del fare e dell’agire dei bambini:
 il sé e l’altro (le grandi domande, il senso morale e il vivere insieme)
 il corpo in movimento (identità, autonomia, salute)
 immagini, suoni, colori (gestualità, arte, musica)
 i discorsi e le parole (comunicazione, lingua, cultura)
 la conoscenza del mondo (ordine, misura, spazio, tempo, natura).

ATTIVITA’, LABORATORI E PROGETTI
A scuola hanno grande importanza i laboratori, spazi nei quali i bambini svolgono concretamente le varie attività, affinché s’impari con notevole facilità arrivando al sapere attraverso il fare.
Già da alcuni anni la nostra scuola ha attivato e continuerà ad organizzare diversi tipi di laboratori, quali:
• teatrale
• linguistico
• espressivo
• motorio
• di recupero e sviluppo degli apprendimenti
• musicale
• scientifico
I progetti comprendono un’ampia serie di attività definite e ben articolate.

CONTINUITA’ EDUCATIVA
Fondamentale è la collaborazione tra i vari ordini di scuola, per decidere un percorso formativo unitario e criteri di valutazione comune.
La nostra scuola realizza un progetto di continuità con la scuola primaria e le altre scuole dell’infanzia presenti nel territorio attraverso un coordinamento didattico per stabilire percorsi, elaborare laboratori e incontri per il passaggio di informazioni sui bambini.

ALCUNI MODI PER VIVERE INSIEME NELLA SCUOLA
I genitori sono chiamati a dare il loro apporto nel prendere coscienza del Piano di Formazione Triennale e nell’assunzione e verifica degli obiettivi da esso proposti:
 Sono i primi e principali responsabili dell’educazione dei bambini
 Trovano una collocazione qualificata nella comunità educativa
 Condividono il Progetto Educativo della scuola in forza del patto educativo
 A loro compete dialogare e cooperare con gli educatori per il conseguimento degli obiettivi educativi, partecipare alla vita della scuola, proporre,  sostenere, animare ed offrire le proprie competenze per un servizio che qualifichi maggiormente la scuola.
La Coordinatrice è a disposizione per colloqui con i genitori. L’incontro quotidiano con la famiglia permette uno scambio di informazioni sul bambino, facilita la comprensione del suo mondo e incrementa il clima di fiducia, rispetto e conoscenza tra scuola e famiglia.
I rapporti con le famiglie si concretizzano:
NELLA ASSEMBLEA GENERALE (inizio e fine anno scolastico)
 Presentazione e organizzazione dell’attività didattica-educativa
 Bilancio conclusivo dell’anno scolastico

NELLA ASSEMBLEA DI SEZIONE E INTERSEZIONE
 Interazione dinamica per l’attuazione del Piano Triennale dell’Offerta formativa
 Condivisione del cammino educativo della sezione
 Condivisione per una coerenza educativa tra scuola e famiglia
NEI COLLOQUI INDIVIDUALI
 Raccogliere informazioni relativa alla storia individuale del bambino
 Verificare l’apprendimento
 Consegna della documentazione al termine dell’anno scolastico.
NELLE FESTE E NELLE INIZIATIVE

Una particolare attenzione è rivolta ai genitori rappresentanti di sezione.
Il loro compito è di essere promotori di un dialogo sereno ed aperto alle finalità educative e culturali della Scuola, studiando con il personale insegnante proposte e soluzioni volte a realizzarle e favorendo la partecipazione di tutta la comunità educativa.
STARE BENE A TAVOLA
Perché i bambini crescano in modo sano, seguendo una corretta alimentazione, li invitiamo ad assaggiare tutti i cibi, spiegando l’importanza della dieta variata.
In caso di intolleranze alimentari è necessario presentare un certificato medico. Nel rispetto delle scelte religiose ed etniche delle famiglie è possibile modificare la dieta.
LA SALUTE
Per il rispetto della comunità è opportuno che i bambini frequentino la scuola in buona salute, per stare con gli altri e svolgere tutte le attività organizzate in sezione e in giardino.
In caso di assenze prolungate le famiglie sono invitate a informare la scuola.
Dopo 6 giorni di assenza è richiesto il certificato medico.

A SCUOLA MI SERVONO…
… uno zainetto contenente un cambio completo per gli imprevisti
… bavaglini con fettuccia
… un porta bavaglino
… un asciugamani piccolo con fettuccia
… un grembiule bianco
… quattro fotografie
… un cuscino e una copertina per i piccoli e piccolissimi che fanno la nanna
… un paio di pantofoline per i bambini della sezione Primavera
… una dotazione di pannolini, fazzolettini di carta e umidificati per il fabbisogno individuale.

Ogni indumento deve essere contrassegnato dal nome del bambino.
Per consentire ai bambini una maggiore libertà di movimento nelle varie attività si consiglia l’uso di indumenti comodi.
Cari genitori, speriamo che queste informazioni vi siano utili e consentano di vivere meglio il percorso scolastico.
Siamo certi di poter contare sul vostro impegno.

LE INSEGNANTI
LA COORDINATRICE
IL COMITATO DI GESTIONE